Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, il presidente della FIGC Gabriele Gravina si è soffermato sulle strategie legate alla ripresa dei campionati per l'emergenza COVID-19.

“L’ipotesi di passare ad una Serie A a 22 squadre dovrebbe confrontarsi con un campionato che probabilmente partirà già in ritardo e dovrà comunque finire a maggio 2021 per l’Europeo: mi apparirebbe cosa schizofrenica avere l’esigenza di giocare meno partite e fare una A con 22 squadre. Sarebbe un campionato ingestibile. Sono preoccupato per tutto il calcio, la A, la B, la C e il mondo dilettantistico. Anzi, comincerei da lì perché è un settore che rischia di perdere oltre tremila società: un disastro”.

Sezione: ALTRE NOTIZIE / Data: Ven 27 marzo 2020 alle 13:00
Autore: Christian Cesario / Twitter: @otherside1993
Vedi letture
Print