Il presidente dell'associazione dei direttori e collaboratori sportivi, Alfonso Morrone, in un'intervista rilasciata a TMW Radio ha parlato del ruolo dei diesse in Serie D: "Sulla pagina Facebook ogni tanto mandiamo dei comunicati, e ho detto che in questo momento così particolare, in Serie D qualsiasi investimento oggi è davvero a fondo perduto. Però vorrei dire, in quante non hanno il ds tra le oltre 160 società di Serie D? Così almeno si abbatte il sommerso, senza volerci girare troppo intorno. Sono il primo a dire di voler dare una mano alle società, visto che in questo momento si fatica a pagare tutto a fine mese, quindi non voglio mettere un minimo contrattuale, se uno vuole va pure a zero euro, ma è giusto che la figura sia obbligatoria, vista la specializzazione. Forse su quelle di oggi saranno due-tre le società senza un direttore sportivo".

E ancora: "Il ds non deve essere più considerato come colui che compra e vende i calciatori. Le sue competenze ormai vanno da materie economiche a giuridiche, oggi è un manager a tutti gli effetti. Ci sarebbe poi da trattare il tema dei mandati a procuratori da parte di alcuni presidenti... Non capisco perché scavalcare la figura del direttore".

Sezione: ALTRE NOTIZIE / Data: Mar 16 marzo 2021 alle 09:52
Autore: Dennis Magrì / Twitter: @magriden
Vedi letture
Print