Mauro Meluso, direttore sportivo del Lecce, ha parlato ai microfoni della Gazzetta del Mezzogiorno dopo l'annuncio della ripartenza della Serie A. Queste le sue parole: "Siamo pronti a ripartire il 20 giugno, ma servono chiarezza e certezze su alcune questioni-chiave. Se è stato dato il benestare al ritorno in campo significa che la situazione sanitaria lo permette, che chi di competenza ha valutato che si possa ripartire in sicurezza, il che ci fa piacere perché evidentemente l’emergenza è in via di superamento. Stanti così le cose è giusto giocare ed il Lecce non ha alcuna difficoltà a farlo, nel rispetto di quella che è sempre stata la propria linea, sin dai tempi della quarantena".

Situazioni ancora in sospeso: "Esistono dei nodi da sempre sul tappeto, che dovranno essere necessariamente sciolti prima di riprendere il campionato. Il primo è quello legato ai contratti dei singoli calciatori con il proprio club di appartenenza in scadenza il 30 giugno e di quelli tra società e società per quanto concerne i prestiti, che pure avrebbero termine nella medesima data. Ebbene, serve una norma, valida per tutti, che li proroghi sino alla conclusione del torneo e che regoli anche i rapporti economici. É evidente che la soluzione dev’essere uguale per ciascuno dei venti club e che non possa essere lasciata a contrattazioni individuali, in quanto tutti devono essere messi nelle medesime condizioni".

Piano B e Piano C: "Dovranno essere chiariti prima di tornare in campo i vari scenari ed in quali situazioni verrebbero adottati. Si tratta di una questione fondamentale perché riguarda i verdetti dell’annata agonistica. Le scelte vanno operate a monte e devono scaturire da un confronto all’interno della Lega di A e poi tra la Lega stessa e la Federazione. Una volta che saranno state sistemate queste questioni la parola passerà al campo, con la speranza che la stagione arrivi a conclusione perché altrimenti si rischierebbe di trovarsi in una situazione molto grave".
 

Sezione: LECCE / Data: Ven 29 maggio 2020 alle 17:30
Autore: Manuel Panza / Twitter: @manuel_panza
Vedi letture
Print