Salvatore Caiata, presidente del Potenza, ha parlato a Radio Punto Nuovo per analizzare l'emergenza coronavirus e lo stop dei campionato. Ecco le sue dichiarazioni: "Cassa integrazione? Un evento storico per il calcio, questo decreto Cura Italia estende a tutti i settori, la LegaPro sta attivamente interloquendo con il Parlamento - si legge su napolimagazine.com - e pare che ai giocatori di Lega Pro tocchi la cassa integrazione in due scaglioni. E' un piccolo aiuto, ma pur sempre un aiuto per i calciatori e le società. I medici sportivi sono tutti propensi a non giocare più, adesso si fa il gioco delle parti, un po' di commedia, sappiamo che giocare ancora è molto difficile. Pensare di giocare in momento in cui muoiono ancora 700 persone al giorno, in cui il Paese è in ginocchio, mi sembra fuori luogo. La Serie C vive della tasca dei presidenti perché ogni anno ha circa 60-90 milioni di perdite, ma quest'anno i presidenti dovranno dare risorse alle proprie aziende. Dovremmo cercare in questo momento di riformare i campionati per renderli sostenibili", riporta napolimagazine.com.
 

Sezione: SERIE C / Data: Ven 27 marzo 2020 alle 16:45
Autore: Manuel Panza / Twitter: @manuel_panza
Vedi letture
Print