Una stagione tutt'altro che semplice si è appena conclusa per il Bisceglie ma quella che si è aperta è un'estate altrettanto complicata. Il futuro societario del club stellato è un'incognita: il presidente Nicola Canonico, come già annunciato a metà campionato, si è detto disposto a cedere il titolo sportivo della squadra, rimettendo tutto nelle mani del sindaco Angarano in attesa che qualcuno lo rilevi.

Il sindaco ha assicurato che già diversi possibili acquirenti si sono fatti avanti, e dunque che la possibilità che la società ultracentenaria continui il suo cammino è ben presente. Gli attriti tra la tifoseria e il patron, che ormai si protraggono da diversi mesi, hanno portato ad una rottura completa, e la decisione, apparentemente irrevocabile di separare i destini di Canonico e del Bisceglie calcio dopo 10 anni.

Le possibilità che il club nerazzurro, al momento destinato alla Serie D a causa della sconfitta nei playoff con la Sicula Leonzio, venga ripescato in Serie C (e dunque tra i professionisti) non sono poche: sotto la gestione Canonico la società ha sempre avuto i bilanci in ordine e ha sempre rispettato ogni scadenza per quanto riguarda i pagamenti. Cosa rara al giorno d'oggi in Serie C.

La scadenza del 24 luglio, data ultima per iscriversi al campionato di Serie D, si fa sempre più vicina, ma le certezze per tutto l'ambiente sono ben poche.

Sezione: BISCEGLIE / Data: Sab 11 luglio 2020 alle 12:00
Autore: Cristina Scarasciullo / Twitter: @CristinaScara
Vedi letture
Print