C'erano tutte le premesse per una bella partita oggi al "Città degli Ulivi Bitonto e così è stato anche se alla fine è stato segnato solo un gol. Pronti via e il portiere Loliva è già protagonista chiamato ad un doppio intervento per salvare la sua porta. Al decimo è il Gravina a rendersi pericoloso due volte nel giro di un minuto, prima con Ficara che costringe Figliolia in corner con un bel tiro da fuori, e poi con Santoro che sul conseguente calcio d'angolo non riesce a ribattere a rete da buona posizione. Il Bitonto passato il pericolo preme sull'acceleratore e al quindicesimo và vicino al gol con Terrevoli che imbeccato da Biason, si vede parare in bello stile, il tiro dal portiere gialloblù. La pressione dei nero-verdi é costante ma il Gravina prova a pungere alla mezz'ora, ancora con Ficara, ancora da fuori area ma Figliolia è bravo a rifugiarsi in angolo. Il primo tempo si chiude sullo 0 a 0, con il Bitonto che le prova tutte ma che deve stare molto attento al contropiede del Gravina.
Si riprende e Loseto fa entrare Di Modugno per La Rosa riportando la linea difensiva a quattro.
Al sessantesimo il Gravina si fà pericolosissimo sempre con Ficara che si insinua tra i difensori bitontini e lascia partire un diagonale che esce di pochissimo. Cinque minuti dopo è Santoro a provarci con una bella girata che trova attento ancora una volta il portiere di casa. Alla mezz'ora del secondo tempo il Bitonto và in vantaggio con il suo uomo simbolo, Patierno, che di testa disegna una parabola inprendibile per Loliva. Con i murgiani alla ricerca del pareggio il Bitonto ha l'occasione per chiudere la contesa ma Merkaj spara addosso a Loliva in disperata uscita. Il Gravina nei minuti di recupero ha l'occasione di pareggiare con D'Angelo, ma il suo colpo di testa in mischia si spegne tra le braccia di Figliolia, il migliore dei suoi. Si chiude 1 a 0 una bella partita che rilancia il Bitonto ma dà tanta convinzione alla Fbc Gravina di potersela giocare contro chiunque.

Sezione: GRAVINA / Data: Dom 06 ottobre 2019 alle 19:17
Autore: Nicola Marvulli
Vedi letture
Print