Un’attesa snervante. Di chi non conosce quale sarà il proprio futuro. E’ ciò che sta succedendo al Bitonto che, sul campo, si è guadagnata la promozione in Serie C. La prima e storica tra i professionisti. Che però potrebbe essere vanificata dalle presunte combine nell’ultimo match della stagione 2018-2019 tra il Picerno e i neroverdi. Ci sarebbe responsabilità diretta, secondo gli organi federali, ma ovviamente è tutto da appurare attraverso i due gradi di giudizio. Il Bitonto si dice estraneo alla faccenda e attende l’ultima settimana di agosto in cui si terrà il primo grado di giudizio, che sicuramente sarà solo lo step iniziale che porterà al secondo e definitivo dei primi giorni di settembre.

MERCATO. Intanto come si muove il diesse Degli Esposti dal punto di vista tecnico? E’ tutto fermo per il momento. Stop alle trattative in entrata, con la società che aveva pensato anche a profili importanti come Neglia, Bolzoni e Marfella ma con questa spada di Damocle che pende sul capo della società del presidente Rossiello è impossibile programmare con certezza. La squadra dovrebbe partire in ritiro il 10 agosto a Camerino ma lo farà con i 6 confermati più qualche innesto del settore giovanile per arrivare a un numero buono per i lavori tattici. Attesa e un pizzico di paura per quel che sarà il futuro del Bitonto.

Sezione: BITONTO / Data: Mar 28 luglio 2020 alle 13:30
Autore: Davide Abrescia
Vedi letture
Print