Alessandro Albertini, difensore e capitano della Virtus Francavilla, ha parlato ai microfoni del Quotidiano di Puglia per analizzare il momento difficile che si vive in Italia e nel mondo. Queste le sue dichiarazioni: "Le giornate sono tutte uguali e in un certo senso un po' noiose, soprattutto per me che vivo da solo, avendo la famiglia lontana. Naturalmente non è una vita normale, si prova però a mantenere un po' i ritmi delle giornate tipo e tradizionali per noi calciatori. Mattinata tranquilla, con colazione e pranzo, intervallati da letture, tante videochiamate, telefonate e playstation. Il mio telefono, infatti, è sempre scarico per il grande utilizzo. Si va anche a fare la spesa, come tutti, nel rispetto delle ordinanze".

Gli allenamenti: "Nel pomeriggio, seguo una scheda preparata dai tecnici della Virtus, che prevede l'effettuazione di alcuni circuiti per mantenere la tonicità muscolare. Esercizi a corpo libero che si possono fare sia a casa sia, se c'è la possibilità, in uno spazio all'aperto di pertinenza della casa. Allenarsi in casa non è la stessa cosa ma dobbiamo fare di necessità virtù in attesa di capire quando sarà possibile riprendere gli allenamenti tradizionali".

Sezione: FRANCAVILLA / Data: Ven 20 marzo 2020 alle 19:00
Autore: Manuel Panza / Twitter: @manuel_panza
Vedi letture
Print