“Dopo la sconfitta con il Nardò abbiamo sentito di tutto, con i ragazzi ne abbiamo parlato e vogliamo azzittire certe voci”. Questo l’esordio sui canali ufficiali del Casarano Calcio di Vincenzo Feola, tecnico dei rossazzuri finito sotto l’occhio vigile del club e dei tanti dopo la sconfitta di sei giorni fa nel derby contro il Nardò per 2-0. Una gara che ha visto i suoi uomini fuori dai giri e soprattutto una squadra totalmente differente da quella che si era vista oltre un mese fa contro il Gravina (1-3), nella gara ultima precedente al blocco del campionato. Lo stesso mister si è dichiarato colpevole della sconfitta, dichiarando inoltre che la squadra per gran parte dei 90’ minuti non aveva giocato a calcio.

È per questo che come da lui dichiarato, la squadra scenderà in campo per vincere l’importante gara contro il Taranto. Tanti i musi lunghi anche tra l’organico in seguito a questa sconfitta, i quali assieme al tecnico vorranno mettersi alle spalle la brutta prestazione nel derby del “Giovanni Paolo II”. Nonostante un nervosismo generale nell’ambiente, il tecnico, anch’esso in modo poco pacato, ha dichiarato: “Non scherziamo! Non esiste la partita della vita, esiste la partita importante che oggi potrà influire sotto l’aspetto mentale, ma mancano 28, 29 gare ed io i campionati non li ho mai vinti a dicembre, li ho vinti ad aprile”.

L’imperito, indipendentemente dalle dichiarazioni, rimarrà vincere, con il tecnico che in vista del match dovrebbe riprovare il 4-3-1-2, modulo utilizzato ad inizio anno contro il Fasano. Dettame tattico con il quale le serpi sperano di poter attenuare le offensive del Taranto e le giocate dei loro singoli. Ma, a proposito degli ionici, il tecnico ha dichiarato: “Stiamo andando ad affrontare un avversario di pari livello, una piazza blasonata, una squadra forte, preparata per vincere con un ottimo allenatore, noi dobbiamo riprenderci e rivendicare la sconfitta di domenica scorsa, dobbiamo tornare quelli di un mese fa e dare soddisfazione alla società e ai tifosi. Siamo dispiaciuti per la sconfitta a Nardò e speriamo di regalare la vittoria, domani, perché questa società merita: non ci fa mancare nulla, ha valori di altra categoria e sappiamo bene quanto teneva al derby, siamo dispiaciuti, ma ora dobbiamo guardare avanti”.

Elogi e non potrebbero essere altrimenti, quelli del tecnico ex Cerignola per la società, che dopo un passo falso che non ha permesso alla squadra di tornare sulla scia della vetta presidiata dal Sorrento, si aspetta una risposta concreta dai suoi nella giornata di domani.

Sezione: CASARANO / Data: Sab 28 novembre 2020 alle 16:15
Autore: Simone Cataldo / Twitter: @SimoneCataldo12
Vedi letture
Print