È uno degli esterni-rivelazione del girone H di Serie D, autore fin qui anche di quattro reti. Domenica, Luca Russo, ha tagliato il traguardo delle 150 presenze a soli 21 anni e adesso mette nel mirino la Serie C. TUTTOcalcioPUGLIA.com ha intervistato in esclusiva il giovane talento del Cerignola.

Luca, una stagione strepitosa la sua. Possiamo parlare di “consacrazione”?
“Diciamo che è arrivato l’anno della consacrazione. Adesso voglio finire al meglio questo campionato, poi spero di fare il salto di categoria che aspetto da tanto tempo”.

E ti sei dimostrato anche abile nel calciare verso la porta avversaria…
“Quest’anno, fortunatamente, sono arrivato più volte al tiro e a segnare quattro gol. Ma questo soprattutto grazie al lavoro dei miei compagni, che mi hanno messo nelle migliori condizioni per poterlo fare”.

Nel corso degli ultimi anni ha avuto un’evoluzione tattica sulla fascia.
“Sì, ho giocato spesso a sinistra essendo un destro. Sono migliorato tanto con il piede debole. Poi ho fatto la mezzala, il terzo di difesa. Insomma, ho sempre fatto il mio dovere per il bene della squadra”.

Un Cerignola con il giusto mix di giovani ed esperti. Fin dove può spingersi questa squadra?
“Il nostro è un gruppo giovane, che vuole raggiungere la salvezza il prima possibile senza porsi altri obiettivi. Dobbiamo continuare a lottare ogni domenica per portare a casa il maggior numero di punti possibili. A fine campionato tireremo le somme”.

Cosa significa per lei la maglia gialloblù?
“Ormai è una seconda pelle, sono qui da quattro anni e mi trovo benissimo. Posso solo spendere belle parole per tifosi, società, staff”.

A scovarla fu Mariano Fernandez.
“È stato uno dei più importanti direttori sportivi che io abbia avuto in questo inizio di carriera. È quello che mi ha insegnato di più, non posso che ringraziarlo se oggi sono il calciatore che sono”.

Il prossimo step è la Serie C?
“Di sicuro c’è che ogni anno punto sempre a migliorarmi, non voglio fermarmi in questa categoria. E chissà, magari arrivare al sogno che avevo da bambino e che ho tuttora”.

C’è un calciatore dal quale Russo prova a strappare qualcosa?
“Sì, ce ne sono tanti ma uno in particolare: Juan Cuadrado. Mi piace tantissimo come calciatore ed è quello che seguo di più”.

Sezione: CERIGNOLA / Data: Mer 21 aprile 2021 alle 10:03
Autore: Dennis Magrì / Twitter: @magriden
vedi letture
Print