In attesa delle decisioni del Consiglio Federale del prossimo 4 giugno, per il Bisceglie il futuro appare tutt'altro che sereno.

Le ultime notizie a proposito della proposta del direttivo di Lega Pro sembrano non lasciare scampo ai nerazzurri che, in virtù dei nove punti di distacco dalla Sicula Leonzio, non potrebbero nemmeno scendere in campo per giocarsi la permanenza in Serie C e sarebbero retrocesse in D insieme a Rieti, Rende, Gozzano e Rimini. 

Ma, stando a quello che ha dichiarato il presidente Nicola Canonico, la squadra non ha intenzione di arrendersi senza lottare: per il numero uno del team stellato è inaccettabile essere retrocessi a tavolino senza dare ai suoi uomini la possibilità di guadagnarsi sul campo il punto che gli avrebbe garantito quantomeno la partecipazione ai play-out e ha promesso battaglia insieme ai dirigenti delle altre società nelle stesse condizioni.

Il presidente ha anche aggiunto che il suo Bisceglie sarebbe pronto a riprendere il campionato rispettando i protocolli sanitari, ma sono tanti i dubbi sul fatto che, se si dovesse tornare in campo, la formazione nerazzurra (già in evidente difficoltà prima del lunghissimo stop) possa effettivamente riuscire a ottenere il punto che le servirebbe ad evitare la retrocessione diretta: oltre ai tantissimi giocatori all'estero che dovrebbero rientrare e tornare ad allenarsi in breve tempo, resta da sciogliere il nodo prestiti e contratti in scadenza al 30 giugno oltre a capire se e quanto Casadei e Borghetto abbiano recuperato dai rispettivi infortuni o se dovesse essere necessario trovare un ulteriore rinforzo che possa affiancare il giovanissimo Messina, che ha debuttato tra i pali proprio col Catania.

Insomma, le nubi sul futuro dei nerazzurri sono davvero tante, e lo spettro della retrocessione diretta appare sempre più incombente alle spalle della formazione stellata. Ma per adesso non resta che attendere le decisioni degli organi competenti.

Sezione: BISCEGLIE / Data: Sab 30 maggio 2020 alle 11:15
Autore: Cristina Scarasciullo / Twitter: @CristinaScara
Vedi letture
Print