Saverio Sticchi Damiani, presidente del Lecce, a La Gazzetta dello Sport ha rilasciato parole importanti riguardo la situazione attuale del calcio italiano: "I conti sono stati fatti, si registrerebbe una perdita di 740 milioni, e parliamo per difetto, per le 20 società di A se non si concludesse il campionato. È fondamentale capire che deve essere comunque terminato: se non sarà possibile entro giugno, diventerà necessario, vitale per il sistema, concluderlo a settembre o ottobre. Tanto, con il rischio default, neppure avrebbe senso prevedere calcio mercato e ritiri, visto che non ci sarebbero soldi da spendere. Guai, quindi, se continueremo a discutere di cristallizzazione della classifica, di playoff e playout da chiudere entro fine giugno e altre ipotesi. Perché, invece, non si pesa il rischio default, se la Serie A non sarà conclusa, a costo di cominciare a prevedere che si possa sforare oltre giugno".

Sezione: LECCE / Data: Ven 20 marzo 2020 alle 09:30
Autore: Redazione TCP / Twitter: @redazionetcp
Vedi letture
Print