Anche Antonio Matarrese - ex dirigente e presidente di Bari, Uefa, Fifa, Figc e Lega Calcio - ha detto la sua sulla possibile nascita della Superlega e la sua realizzazione. "Quello che sta accadendo è incredibile - commenta a La Gazzetta del Mezzogiorno -. Vergognoso. Non scherziamo con questa storia. Un'aggressione vera e propria che cade in un momento in cui il mondo e il calcio internazionale soffrono a causa della pandemia. Ma quest'azione, scusate il paragone, può scatenare una pandemia calcistica, può far precipitare tutto il sistema del pallone. Viene minata la cultura del calcio, non è dignitoso approfittare della malattia". 

Poi racconta un aneddoto passato, a dimostrazione di come l'idea non sia del tutto inedita: "Ero presidente della Figc, all'epoca. E ci fu un gruppo, italiano, che si stava muovendo sulla linea di quanto sta succedendo oggi. Ebbi uno scontro con il mio pari-grado tedesco, che accusava gli italiani di muovere le fila. Ma alla fine parammo il colpo. L'iniziativa fu bloccata, minacciammo una reazione violenta. Con l'appoggio di Fifa e Uefa e con l'attivismo di Villar, presidente della federazione spagnola. Mi amareggia molto il fatto che ci siamo di mezzo tre club italiani che da sempre sono stati una garanzia per il nostro calcio. Credo che i rapporti umani vadano rispettati, sempre. Berlusconi all'epoca credeva a un campionato europeo di alto livello. Si convinse che non sarebbe stata la cosa giusta". 

Sezione: ALTRE NOTIZIE / Data: Mar 20 aprile 2021 alle 18:45
Autore: Domenico Brandonisio
Vedi letture
Print