Brilla la stella Mohamed Mansour a Bisceglie. Nato a Villaricca, ma di origini marocchine, l’esterno classe ’95 è una delle new-entry nel campionato di Serie C e l’avventura in nerazzurro è cominciata alla grande. In esclusiva, ai microfoni di TUTTOcalcioPUGLIA.com, proprio il venticinquenne ha voluto raccontare emozioni e sensazioni.

Un momento magico per il Bisceglie, sette punti nelle ultime tre gare.
“Non ce lo aspettavamo nemmeno noi, essendo partiti in ritardo rispetto alle altre squadre. Però abbiamo dimostrato di essere un gruppo compatto, che sa soffrire, che lotta su ogni pallone e come ieri fino all’ultimo secondo. Siamo ragazzi umili, che corrono tanto. E poi seguiamo le indicazioni di mister Bucaro”.

Lei è arrivato quest’anno, ma sa che una striscia del genere non si vedeva da un paio di stagioni?
“Sono venuto qui e ho trovato un ambiente sereno, con voglia di riscatto e di fare bene, anche da parte della società. La riammissione in C ha dato ulteriore entusiasmo, che ci sta consentendo di fare belle partite”.

Ieri a Viterbo un pareggio di cuore o carattere?
“Direi entrambe. In campo uno deve sempre mettere il cuore, altrimenti non riesce a dare ciò che abbiamo noi dato ieri. È un pareggio dal sapore di vittoria, per come è arrivato. È stata una bella prova di squadra”.

Contro il Palermo è stato decisivo con un gol. La vediamo in fiducia…
“I gol agli attaccanti servono come il pane. È stato il primo mio tra i professionisti e di questo sono felice. Ma lo sono ancor di più soprattutto per le prestazioni della squadra: se va bene il collettivo, va bene anche il singolo”.

A venticinque anni il debutto in Serie C: quali sono gli obiettivi?
“A livello personale spero di fare tanti gol, voglio far capire che in Serie C posso starci e restarci. E poi, ovviamente, puntare il più in alto possibile”.

C’è un calciatore al quale s’ispira?
“Non ho un idolo vero e proprio. Come atleta direi Cristiano Ronaldo. Se dovessi dire dei nomi a cui m’ispiro, Ronaldinho e Neymar: sono loro i modelli perché io come loro sono un’ala”.

Dove può arrivare questo Bisceglie?
“L’obiettivo è mantenere assolutamente la categoria. Poi ciò che viene, con entusiasmo, ce lo prendiamo volentieri”.

Sezione: BISCEGLIE / Data: Gio 22 ottobre 2020 alle 11:58
Autore: Dennis Magrì / Twitter: @magriden
Vedi letture
Print