“Bisognerebbe puntare di più sui giovani”. Questa la frase spesso utilizzata da Giuseppe Maci, presidente del Casarano Calcio, per poter parlare del futuro post coronavirus. Un concetto chiaro e senza fronzoli, il quale sembrerebbe anche voler far trapelare un unico significato: puntare sulla linea verde e far trascorrere un’annata di transizione, nel tentativo di evitare investimenti dispendiosi che potrebbero solamente influenzare negativamente il bilancio del club in una situazione che è già tutt’altro che facile.

In virtù di tale tematica e dei progetti futuri della compagine salentina, sembra esserci un vero e proprio cambiamento tra i pali, con Al Tumi e Guarnieri che potrebbero salutare nonostante l’età – entrambe classe ’00 -, che gli permetterebbe di rientrare ancora nella fascia under e perciò rivelarsi pedine imprescindibili. Le cause di tale scelta si potrebbero riportare alle prestazioni – in questo caso soprattutto per il primo – poco convincenti nelle uscite stagionali, che poco han convinto società e addetti ai lavori. Essi potrebbero esser sostituiti da alcuni profili ancor più giovani, ed al momento il diesse Marcello Pitino sembrerebbe sondare alcuni interessanti under.

Se in porta difficilmente si presenterà una richiesta di permanenza, nel reparto difensivo la società ha già raggiunto l’accordo con Luka Lobjanidze, giocatore in rossazzurro da due annate a questa parte e protagonista non solo della promozione dall’Eccellenza alla Serie D, bensì anche dell’attuale stagione nella categoria regina dei dilettanti. Per quanto concerne Domenico Girasole, giocatore acquistato nella scorsa estate dal Lanusei, il Casarano vorrebbe prendersi ancora dei giorni di riflessione. Poco impiegato in stagione nonostante l’acquisto a titolo definitivo, il difensore campano potrebbe rimanere ancora un’altra annata per acquisire esperienza. La sua permanenza dipenderà soprattutto dal prossimo progetto tecnico, con Bitetto che sembrerebbe non aver una posizione del tutto solida in questo momento.
Al centro del campo si tenterà di ripartire da Simone Buffa, giocatore al quale quest’anno sono state affidate le chiavi del centrocampo. Di proprietà del Parma, il suo agente ha dichiarato che nonostante alcune chiamate da palcoscenici professionistici, il ragazzo darà priorità al progetto casaranese. Stesso discorso vale per Antonio Atteo, anch’esso classe 2001 arrivato però a titolo definitivo nel corso della sessione di calciomercato dicembrina dal Portici. Al contrario, per quanto concerne le fasce, sulla corsia mancina la presenza di Rocco Occhiuto potrebbe venir meno. Il ragazzo partito titolare in solamente 8 gare e il quale ha trovato anche un centro stagionale con l’Agropoli, non dovrebbe esser confermato in virtù anche delle uscite poco sufficienti.

Infine, potrebbe risultare ai titoli di coda la parentesi di Giuseppe Cianci al Casarano. Il ragazzo, alla seconda annata in rossazzurro e di proprietà della Virtus Francavilla ha voglia di cambiare aria, e una delle tante ipotesi potrebbe essere quella che conduce alla Team Altamura.

Articolo realizzato da Simone Cataldo

Sezione: CASARANO / Data: Mer 24 giugno 2020 alle 15:00
Autore: Redazione TCP / Twitter: @redazionetcp
Vedi letture
Print