Ai microfoni di Sportitalia, ha parlato il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli che ha toccato diversi punti, partendo dallo stop degli allenamenti sino al 3 aprile: "Noi abbiamo ascoltato i pareri anche delle autorità sanitarie, la salute in questo caso è al primo posto, il calcio va nettamente dietro. E per i ragazzi piccoli (con attività sportive sospese fino al 30 giugno, ndr) bisogna assicurare ancora maggior prudenza, una difesa netta, sono il futuro e vanno salvaguardati. Non concordo a esempio con la scelta di Lotito di far riprendere alla Lazio gli allenamenti: c'è la federazione medico-sportiva che ha dato direttive, adeguiamoci".

 Sulla fine dei campionati: "Vogliamo arrivare alla fine del campionato per due motivi. Per prima cosa perché non vogliamo darla vinta a questo maledetto virus, poi perché non vogliamo entrare nella condizione in cui qualcuno possa entrare in un'aula di tribunale. Si creerebbe una frattura troppo grande. Concludere oltre il 30 giugno? Se serve forse si, ma in quel caso si dovrà ragionare su altre soluzioni. A ogni modo, vale per tutti, arrivare alla fine dei campionati significa rispettare promozioni e retrocessioni".

Sulle soluzioni con l'AIC: "Con l'AIC faremo poi una verifica tecnica, in base a quello che il più imminente decreto presenta: vogliamo capire quali siano gli strumenti per ammortizzare il danno, probabilmente la cassa integrazione, che riguarderà solo la Serie C

Sezione: SERIE C / Data: Mer 18 marzo 2020 alle 09:15
Autore: Davide Abrescia
Vedi letture
Print