Un digiuno lungo ben novantasette giorni: Ciro Foggia, con la doppietta realizzata nella vittoria del Casarano per 4-1 sull'Agropoli, spezza l'astinenza da gol che durava da più di tre mesi. L'ultima realizzazione da parte del centravanti, ex Cerignola, con la maglia delle serpi risaliva allo scorso 19 agosto quando, al "Giovanni Paolo II", realizzò il gol del momentaneo vantaggio nel derby di Coppa Italia di Serie D contro il Nardò. 

Sotto la guida di Pasquale De Candia, l'attaccante napoletano veniva considerato una seconda scelta, con l'ex tecnico dei rossazzurri che, nel suo 3-4-3, preferiva fare affidamento ad Emiliano Olcese nel ruolo di punta. Spesso e volentieri si è rinnovata la staffetta tra i due giocatori nel corso della prima parte del campionato ma il centravanti classe '91 sembrava giocare troppo distante dall'area di rigore. Con l'avvento di Dino Bitetto sulla panchina del Casarano, sono risalite le sue quotazioni: Foggia ha ritrovato il tecnico che gli ha permesso di avere l'exploit nella passata stagione quando, al Cerignola, realizzò 12 reti in 32 partite. La doppietta di ieri, con la dedica alla moglie ed al futuro pargolo, arriva dopo 531 minuti di digiuno: l'auspicio, per l'attaccante e per l'allenatore Bitetto, è che siano i primi di una lunga serie. Il Casarano ha bisogno delle sue marcature per poter continuare a cullare i sogni relativi alla promozione in Serie C.

Sezione: CASARANO / Data: Lun 25 novembre 2019 alle 13:30
Autore: Christian Cesario / Twitter: @otherside1993
Vedi letture
Print