Ambizione e progettualità: il connubio da cui il Bitonto ripartirà per affrontare la sua prima avventura tra i professionisti. Il sodalizio del presidente Francesco Rossiello è ormai abituato a disputare campionati di vertice: basti pensare che, negli ultimi quattro anni, la sua società è passata dai polverosi campi della Prima Categoria a partecipare ai play-off di Serie D. Ma, tra le tante imprese conseguite, la più importante tra tutte è indubbiamente quella portata a termine poche settimane fa: la storica promozione in Serie C.

Per la prossima annata, chiaramente, le ambizioni del patron neroverde dovranno essere parzialmente ridimensionate, dato che il suo Bitonto giocherà in terza serie con i gradi di matricola, tuttavia tra i professionisti i leoncelli non hanno alcuna intenzione di svolgere un ruolo di semplice comparsa: “Allestiremo una squadra che ci faccia divertire – ha detto Rossiello Lotteremo per difendere questa categoria il più a lungo possibile e spero che i nostri tifosi continueranno ad esserci vicini come hanno fatto in passato. Solo così potremo costruire qualcosa di grande”.

Per la guida tecnica non ci sono dubbi: sarà ancora mister Roberto Taurino a condurre i leoncelli. Dopo la straordinaria stagione sportiva passata e la promozione ottenuta, infatti, l’allenatore leccese è stato posizionato in prima posizione tra i nomi dei riconfermati. “Cercheremo di far vivere un’ulteriore favola alla città di Bitonto – esordisce – Nella prima conferenza stampa dello scorso anno ho percepito scetticismo nei miei confronti perché si pensava che non potessi essere la figura adatta per migliorare il quarto posto dell’anno precedente, ma poi abbiamo raggiunto risultati eccezionali. Tutti coloro che hanno partecipato a questa memorabile impresa rimarranno nella storia della città”.

Per quanto concerne il futuro, mister Taurino non ha dubbi: bisogna allestire una squadra che sia in grado di competere con le blasonate realtà della Serie C. “Ci vorrà sicuramente tanto lavoro – ammette – ma cercheremo di dire la nostra su tutti i campi, anche su quelli più ostici del girone. L’obiettivo è quello di allestire un team completo e competitivo, che possa fornire valide alternative anche dalla panchina, proprio come è successo lo scorso anno”.

Alcuni dei perni della formazione neroverde della passata stagione saranno, dunque, ampiamente confermati. Non è irreale pensare che il neo direttore sportivo Alessandro Degli Esposti, presentato ieri in conferenza stampa al “Città degli Ulivi” assieme a Taurino, partirà prima dalle conferme: capitan Patierno, Lomasto e Biason sono, infatti, solo alcuni dei nomi in cima alla lista delle preferenze.

“Poi passeremo ai primi colpi di mercato: puntiamo a garantirci cinque o sei figure di spessore. – prosegue Degli EspostiCon la società e con il presidente Rossiello si è creato subito un bell’ambiente e mi sono sentito in famiglia sin dal primo giorno. Il mio obiettivo è quello di contribuire a cercare di rendere la storia del Bitonto ancora più bella. Per farlo è necessario mettersi subito a lavoro”.

Il Bitonto del futuro comincia lentamente a prendere forma. I prossimi giorni saranno fondamentali per comprendere chi della vecchia guardia bitontina continuerà ad indossare la casacca neroverde e chi, invece, da altre piazze sceglierà di sposare l’ambizioso progetto di Rossiello e del suo staff. Oltre ai già citati, il direttore Degli Esposti non nasconde la volontà di riconfermare anche alcuni giovani che si sono distinti la scorsa stagione: Figliola e Piarulli sembrano i nomi più gettonati.

“Una nuova avventura sta per cominciare: chiedo ai tifosi di sostenerci sempre, anche nei momenti più difficili. Abbiamo bisogno dell’apporto di tutti per portare, con orgoglio, il nome di Bitonto in giro per l’Italia, specialmente durante la prima parte di stagione visto che saremo costretti a giocare lontano dalla nostra città”, conclude Taurino.

Sezione: BITONTO / Data: Mer 08 luglio 2020 alle 11:00
Autore: Massimiliano Dilettuso
Vedi letture
Print