Casarano, ora le speranze di vetta sono pochissime. Contro il Molfetta termina 1-1 al “Capozza” con il sodalizio rossazzurro che domina e schiaccia gli ospiti per tutta la gara senza però mai trovare il gol vincente. Tre i gol annullati di cui due a Rodriguez nel secondo tempo ed un a Quacquarelli nel primo. Senza dubbio a guadagnarci sono gli ospiti che trovano un punto importantissimo in Salento.

Orlandi per i padroni di casa conferma la formazione della vigilia con Pitarresi tra i pali, in difesa spazio al centro a Figliomeni e Longhi con Pagliai e Quacquarelli sugli esterni. A centrocampo mediana affidata a capitan Giacomarro, al suo fianco compaiono Feola e l’under Atteo. In attacco confermato il tridente composto da Mincica, Santoro e Rodriguez. Dal canto opposto c’è l’esperto Tucci tra i pali, con un 4-2-3-1 che vede in difesa Diallo e Ciaciaruso ai lati supportati centralmente da Forte e Di Bari. In mediana ci vanno i due giovani Fucci e Conte, mentre a supporto della punta Lacarra ci sono gli esterni Varriale e Lavopa ed il fantasista Strambelli.

Nel corso della mezz’ora iniziale del primo tempo è il Casarano a tenere le redini della gara con gli uomini di Orlandi che premono sull’acceleratore e schiacciano il Molfetta nella proprio metà di campo, con gli ospiti che hanno la sola incombenza di difendere la parità. Passiamo alla cronaca. Al 5’ Mincica sradica il pallone a Conteh sulla trequarti e fa partire un lieve rasoterra che è facile preda di Tucci. Al minuto 8’ Santoro in area difende la sfera  spalle alla porta, si libera e fa partire un destro che termina alto. Dopo il decimo Rodriguez servito lateralmente si accentra, trova lo spiraglio e calcia ma la sfera si adagia al lato. Al 18’ il Casarano trova il gol ma il guardalinee ravvisa una posizione di ofside di Quacquarelli che aveva trovato il tapin vincente dopo la ribattuta insufficiente di Tucci sulla conclusione forte da fuori di Pagliai. Il Casarano continua a spingere, alla mezz’ora Santoro e Rodriguez scambiano al limite dell’area, poi il cubano arriva alla conclusione che viene murata tempestivamente da Forte. Il gol del vantaggio rossazzurro arriva al minuto 36’ con il Molfetta che batte tempestivamente un angolo, riparte palla al piede Giacomarro che serve Rodriguez, quest’ultimo crossa sul lato opposto per Santoro che al volo schiaccia a terra ma vede la sfera insaccarsi in rete dopo una deviazione di Di Bari che al posto di liberare l’area dal pericolo devia in rete. Il Molfetta allora si apre e cerca di rispondere al gol rossazzurro, al 39’ Varriale supera in velocità Feola e Quacquarelli e a tu per tu con Pitarresi conclude lievemente. Poi al minuto 45’ arriva la svolta, Rodrioguez e Santoro ripartono a campo aperto ma al posto di servire il compagno involato a rete si mette in proprio e perde la sfera. Sul ribaltamento di fronte Lacarra conclude dal limite dell’area, Pitarresi non trattiene e sulla palla che si innalza si avventa Lavopa che viene atterrato da Figliomeni. Il difensore ex Foggia regala il penalty agli ospiti e Strambelli non sbaglia, portandosi un prezioso pari negli spogliatoi.

Nella seconda frazione stesso film con il Molfetta che difende il pari facendo tenere le redini al Casarano che dopo qualche frangente però cala d’intensità causa le forze fisiche che vengono meno. Passiamo alla cronaca della gara. Al 10’ Quacquarelli crossa, Diallo ribatte e Giacomarro sulla mina vagante al volo calcia altissimo. Al 17’ Sansone appena entrato si incarica di un calcio di punizione ravvicinato, traiettoria insidiosa ma palla che non scende e sorvola la traversa di un metro. Poco dopo su un cross di Giacomarro prende l’ascensore Rodirguez che impatta e ma non trova lo specchio della porta per pochissimo. Dopo la mezz’ora il Casarano insiste e vengono annullati due gol a Rodriguez. Se nel primo era evidente la posizione di fuorigioco, nel secondo ci sono alcuni dubbi causa la folta presenza in area. Al minuto 39’ Sansone punta Lavopa e lo supera, poi calcia sul primo palo ma Tucci è attento. AL minuto 44’ Sansone al limite dell’area si gira e calcia, Tucci controlla. Al secondo di recupero cross per Rodriguez che tocca per Favetta, l’ex Taranto a colpo sicuro trova il miracolo di Tucci che si rifugia in angolo. Nel finale sarà assedio del Casarano che giocherà con quattro riferimenti offensivi ma senza ottenere nulla di più di una serie di angoli sugli sviluppi dei quali insidia la difesa molfettese senza però mai trafiggere Tucci.

CASARANO MOLFETTA 1-1: 36’ pt Aut. Di Bari (C), 45’+1’ pt Strambelli (M).

CASARANO (4-3-3): Pitarresi; Quacquarelli (17’ st Argento), Figliomeni, Longhi, Pagliai; Feola, Giacomarro (27’ st Favetta), Atteo (40’ st Negro); Mincica (32’ Tascone), Santoro (17’ st Sansone), Rodriguez. A disp.: Guido, D'Andria, Lobjanidze, Ficara. All.: Orlandi.

MOLFETTA (4-2-3-1): Tucci; Cianciaruso, Forte, Di Bari, Diallo; Fucci, Conteh; Varriale, Strambelli (41’ Triggiani), Lavopa; Lacarra (45’+2’ st Ventura). A disp.: Rollo, Kaleba, Dubaz, Marolla, Caprioli, Afri, Valente. All.: Traversa.

Terna arbitrale: dirige Marco Marchionni di Rieti coadiuvato da Gianluca Scardovi di Imola e Roberto Sciammarella di Paola.

Ammoniti: Figliomeni (C), Diallo (M), Di Bari (M).

Espulsi: -.

Note: gara disputata a porte chiuse in ottemperanza alle normative anti covid-19.

Angoli: 12-2. Rec.: 1’ pt, 6’ st.

Sezione: CASARANO / Data: Dom 18 aprile 2021 alle 17:05
Autore: Simone Cataldo / Twitter: @SimoneCataldo12
Vedi letture
Print