Un punto, conquistato con le unghie e con i denti, nel derby della BAT con la Fidelis Andria, e una salvezza ormai ad un passo in una stagione positivamente sorprendente. E’ questo il bilancio del Bisceglie giunti ormai alla trentatreesima giornata del girone meridionale di Serie C. La società stellata può ragionevolmente essere orgogliosa di quanto fatto finora, al suo ritorno tra i professionisti dopo oltre 20 anni. La terza serie del campionato italiano, propriamente detta, mancava invece dagli anni sessanta. Anni lontani che raccontano di una realtà, legata allo sport e non solo, che difficilmente potranno tornare indietro. Ma la città di Bisceglie, i suoi tifosi e questa società meritano il successo rappresentato dall’essere presente nelle categorie del calcio che conta. Le difficoltà, è noto, sono davvero tante e gli equilibri labili, in un torneo tanto difficile quanto interessante, che ha permesso al Bisceglie di mettersi alla prova al cospetto di società storiche, consolidate e ben radicate del nostro football. Uno dei tanti esempi di queste realtà è rappresentato dalla Fidelis Andria e dal suo allenatore Aldo Papagni. Pur in un momento non eccellente della sua recente storia calcistica, la formazione federiciana ha saputo imporre tutta la propria qualità ed esperienza in una partita che avrebbe meritato di vincere. Sotto quest’aspetto i nerazzurri devono ancora lavorare e migliorare le proprie prestazioni. La tattica conservativa di Mancini è risultata straordinariamente efficace nella trasferta di Trapani e al “Ventura” con il Catania, ma ha pagato dazio contro Matera e Fidelis. Se è vero che il tecnico subentrato a Zavettieri ha avuto il merito di riallineare gli equilibri di gioco dei suoi, risulta altrettanto indispensabile cambiare qualcosa in certe partite, e in alcune situazioni di gioco, per cercare di sorprendere gli avversari. E’ necessario alzare ulteriormente l’asticella, perché dal punto di vista delle prestazioni il Bisceglie non è stato brillante come in altre circostanze e, se la salvezza è praticamente all’orizzonte, un finale in crescendo rappresenterebbe il compimento ideale di questa stagione.

Fonte riproducibile previa citazione TUTTOcalcioPUGLIA.com

Sezione: FOCUS / Data: Dom 01 aprile 2018 alle 14:00
Autore: Michele Mitarotondo / Twitter: @MitasDay
Vedi letture
Print